Se Kate sapesse

E ancora adesso che mi capita di ascoltare alla radio quell’ottovolante di gorgheggi che è Wuthering Heights, Heathcliff, it’s me–Cathy, Come home, I’m so cold, Let me in-a-your window, con quel giochino di batteria sincopata su “home”, poi; oggi, dico, dov’è finita Kate Bush? che c’è bisogno non di spiegare chi è ma magari, quello si, di ricordare la sua capacità di piegare alle lacrime i metallari più trucidi e anche, in generale, chi di musica capisce e fruisce zero virgola zero periodico.

Uno dei primi ricordi della mia vita, una domenica sera. Rientrati in casa, e appena varcata la soglia, io e mio babbo ci buttiamo sul divano con l’umore proprio del fine-finesettimana. Accendiamo il Grundig salottiero, marrone, orrendo e mastodontico, e appare questa cavallona dagli occhi spiritati prima fasciata in una tutina nero-vedovile, poi agghindata da guerriera del Walhalla, che cinguetta e ancheggia spupazzandosi un contrabbasso in vari modi e nel buio quasi totale. Ancora prima che il capo-clan riesca a chiedersi se lo spettacolo gli interessi un minimo, ecco il ritornello della canzone. La voce dallo schermo si impenna improvvisa e: “Ahi, ahi, Babushka Babushka Babushka, yà yà”.

Prego?!

Mio babbo non è mai stato molto coinvolto dagli aspetti ludici dell’esistenza, men che meno se musicali. Ma a distanza di trent’anni, se ci imbattessimo per avventura e di nuovo in quel video clip, temo che la nostra reazione sarebbe identica, cioè ritrovarsi piegati in più parti, fino ad ingoiare gli acari dal tappeto, spaventatissimi (non gli acari, intendo noi: “Ma tu perchè cazzo stai ridendo?” “E che ne so? non hai cominciato tu?”); e ancora una volta mia madre, rintanata nell’altra stanza, darebbe generosamente fondo alle sue limitate scorte di compatimento per il marito e il figlio affibbiatile da una imperscrutabile, ma sostanzialmente ria sorte in quei giorni ormai remoti. Solo, immagino, io dovrei prestare un po’ di attenzione alle coronarie paterne.

Se Kate sapesse ci rimarrebbe un po’ così, forse.

Annunci

Un pensiero su “Se Kate sapesse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...